dic 312011
 

 

E’ finito un nuovo anno. Tanti ricordi, nuove speranze. Solitamente quando finisce qualcosa – ad es. un amore, un’amicizia, la vita di una persona cara – si è invasi dalla tristezza, ciò, invece, non si verifica quando finisce un anno. In questa occasione è ricercato ogni tipo di distrazione, pur di non pensare che un altro anno della  nostra vita finisce e che inesorabilmente si avvicina la  nostra fine terrena. Si, perché la vuota allegria, quasi scaramantica dell’ultimo dell’anno è orientata prevalentemente a cercare l’inveramento quasi magico di speranze contingenti – ad es.  i soldi, la carriera, il potere, il piacere –  dimenticando, però,  l’origine della Speranza che è la vera fonte della felicità.

La morte, per la comune degli uomini, è da allontanare dai pensieri, eppure il tempo che passa dovrebbe indurre a porci alcune domande sul senso della  vita e della morte.

Cos’è la vita? Solo un mero susseguirsi di eventi che dobbiamo sfruttare per acquisire sempre più averi, più potere e più piacere? O è invece un tempo per realizzarci come persone? E’ sicuramente  necessario comprendere che è un tempo in cui la vita o è orientata al nostro Creatore, o è priva di senso. Continue reading »

dic 222011
 
Immagine anteprima YouTube

DISCORSO DEL SANTO PADRE alla Curia Romana 22 dicembre 2011

Signori Cardinali,
venerati Fratelli nell’Episcopato e nel Presbiterato,
cari fratelli e sorelle!

È sempre un momento particolarmente intenso quello che viviamo oggi. Il Santo Natale è ormai vicino e spinge anche la grande famiglia della Curia Romana a ritrovarsi insieme per compiere il bel gesto dello scambio degli auguri, che contengono l’auspicio reciproco di vivere con gioia e vero frutto spirituale la festa di Dio che si è fatto carne e ha posto la sua dimora in mezzo a noi (cfr Gv 1,14). Per me questa è l’occasione non solo per porgervi il mio personale augurio, ma anche per esprimere a ciascuno di voi il ringraziamento mio e della Chiesa per il vostro generoso servizio; vi prego di trasmetterlo anche a tutti i collaboratori della nostra grande famiglia. Un grazie particolare lo rivolgo al Cardinale Decano Angelo Sodano, che si è fatto interprete dei sentimenti dei presenti e di quanti lavorano nei differenti Uffici della Curia, del Governatorato, compresi quelli che svolgono il loro ministero nelle Rappresentanze Pontificie sparse in tutto il mondo. Tutti siamo impegnati affinché l’annuncio che gli angeli hanno proclamato nella notte di Betlemme, “Gloria a Dio nel più alto dei cieli, e sulla terra pace agli uomini, che egli ama” (Lc 2,14), risuoni in tutta la terra per portare gioia e speranza.

Alla fine dell’anno, l’Europa si trova in una crisi economica e finanziaria che, in ultima analisi, si fonda sulla crisi etica che minaccia il Vecchio Continente. Anche se valori come la solidarietà, l’impegno per gli altri, la responsabilità per i poveri e i sofferenti sono in gran parte indiscussi, manca spesso la forza motivante, capace di indurre il singolo e i grandi gruppi sociali a rinunce e sacrifici. La conoscenza e la volontà non vanno necessariamente di pari passo. La volontà che difende l’interesse personale oscura la conoscenza e la conoscenza indebolita non è in grado di rinfrancare la volontà. Perciò, da questa crisi emergono domande molto fondamentali: dove è la luce che possa illuminare la nostra conoscenza non soltanto di idee generali, ma di imperativi concreti? Dove è la forza che solleva in alto la nostra volontà? Sono domande alle quali il nostro annuncio del Vangelo, la nuova evangelizzazione, deve rispondere, affinché il messaggio diventi avvenimento, l’annuncio diventi vita. Continue reading »